• Jolaurlo, Soulsavers

    Speciale


    JOLAURLO

    Sin dall’esordio, la band pop-punk-wave più elettrica d’Italia ha svelato la sua carta vincente: un mix di originalità musicale, testi e messaggi forti trasmessi dalla voce di Marzia Stano ed una portentosa energia della performance live.
    Nel 2001, ancora minorenni, aprono a Milano il concerto dei Prozac+, allora gruppo del momento, e la loro coinvolgente esibizione attira l’attenzione di pubblico e addetti ai lavori. Nel 2003 aprono il concerto degli Articolo31 a Salerno e nello stesso anno avviano la produzione del primo disco D’Istanti sotto la direzione artistica di Vinci Acunto (Ginevra di Marco, Bisca, Meg, …), album che uscirà nel 2005 per Tube Records con una distribuzione capillare tramite Venus. Il disco riceve un ottimo feedback dalla critica e parte un tour in tutta Italia di circa 180 date. La prima edizione viene rapidamente esaurita.
    Numerose negli anni a seguire le esperienze in cui la band si è confrontata con un grande pubblico e su palchi autorevoli: ArezzoWave, Neapolis Festival, Teatro Masini, Pisa Metarock Festival, ecc.

    D'Istanti D’Istanti

    InMediataMente InMediataMente

    Nel 2006 Jolaurlo entrano in contatto con la OTR Live (Carmen Consoli, Max Gazzè, BandaBardò, …) che propone alla band un accordo discografico e di booking. Viene individuata nella persona di Daniele Grasso (produttore di Afterhours, John Parish, …) la possibilità di ottenere un suono più rock del precedente disco e che catturi la loro energia live. Per due mesi Jolaurlo si trasferiscono così a Catania dove realizzano presso il Cave studio il secondo album InMediataMente, che esce nel Novembre dello stesso anno per Tube/Venus. Durante il tour del disco aprono i concerti di Franco Battiato, Max Gazzè, Evanescence, Iggy Pop e dell’inossidabile mito post-punk Siouxsie. A sancire la loro indiscussa ascesa sarà però il concerto del 1° Maggio a Roma, dove suonano sul gigantesco palco di piazza S. Giovanni di fronte a 500.000 spettatori e con diretta Rai. Altro importante evento a cui partecipano è l‘Heineken Jammin Festival in apertura dei Sex Pistols.
    InMediataMente è stato il disco indipendente italiano più venduto del 2008.

    JOLAURLO Roma 1o Maggio

    Concerto 1° Maggio Roma > video

    Dopo anni di intensa attività, Jolaurlo si concedono un periodo di relativa pausa, intervallato dall’invito ad inaugurare il nuovo TPO bolognese. Un concerto-evento durante il quale viene eseguita per la prima volta Annarella, una reinterpretazione così strutturale e moderna del brano dei CCCP che potrebbe essere considerato un brano di Jolaurlo.

    JOLAURLO Live TPO

    TPO > video

    Avvengono nel frattempo ben due cambi nella line-up del gruppo, che ruota intorno al nucleo storico Marzia Stano (voce e synth), Rossella Pellegrini (basso, chitarre) e Gianni Masci (chitarre).
    Il terzo disco, in uscita sul finire del 2010, è frutto di un sound prettamente elettronico che miscela una forte esperienza rock e punk-wave in quello che viene oggi definito new-rave, electro-punk, 8/bit etc. Un mini-tour acustico ed alcuni recenti apparizioni (Meeting Del Mare con Baustelle + Elio & Le Storie Tese) hanno rivelato parte dei nuovi brani del terzo attesissimo disco.
    Distinguendosi attraverso l’uso della lingua madre ed utilizzando nella composizione spunti che provengono da influenze musicali differenti, Jolaurlo si afferma come una delle bands più eclettiche del panorama musicale nazionale, unica nel suo genere, capace di far muovere il pensiero e muovere il corpo, che comunica senza rinunciare al piacere di trasformare ogni concerto in un esilarante party in cui coinvolgimento e interazione con il pubblico sono l’unica costante.

    2011: “MECCANICA E NATURA
    La band miscela una forte componente elettronica con il rock e la punk-wave in quello che ora viene definito come new-rave movement o electro-punk, con tratti rievocativi del primo synth-pop di Devo, Ultravox, Soft Cell, ….
    Polistirolo è il singolo estratto dall’album uscito per la Irma Records, storica etichetta bolognese, e da gennaio 2012 ha una distribuzione europea. Il mastering dell’album è stato realizzato agli Exchange Studios londinesi (Sigur Ròs, Depeche Mode, Björk, …).

    Guarda il video >> qui

    Recensione >> qui

    [1] [2] [3]
    _____________________________________________________________________________________________

    SOULSAVERS Light the dead see
    (Cooperative Music) Heavy vinyl w/inner slv. LP + CD 21,99, CD 16,99

    I Depeche Mode non sembrano esser più in grado di pubblicare un buon disco da tanto, troppo tempo ormai. I due album solisti del loro lead singer Dave Gahan son parsi poca cosa ma hanno messo in risalto performance vocali interessanti, che cercavano un substrato migliore per fiorire. L’occasione arriva ora con i SOULSAVERS, ossia Rich Machin & Ian Glover. Dopo il bel lavoro fatto con Mark Laneghan, i due musicisti offrono il microfono a Mr. Gahan, sostenendolo con un impianto orchestrale notevole e variegato negli stili, con un back-sound in alcuni accenni gospel. Un disco veramente convincente.

    >> Listen to the complete album / Ascolto completo dell’album
    ___________________________________________________________________________